BENTORNATO CARDINAL TONINI. ANCHE SE SOLO PER POCHI SECONDI

cardinal tonini

La foto che vedete non è un fotomontaggio del cardinal Tonini fatta ad hoc per l’occasione. Nè una sua apparizione straordinaria per salutarci ed ammonirci dall’Alto dei Cieli. Anche se mi piace pensare che un po’ è così. Semplicemente durante le celebrazioni dei 50 anni del Centro Dantesco dei frati minori conventuali di Ravenna (auguri a tutti, in particolare al direttore, Padre Egidio Monzani) è stato proiettato un filmato su Padre Severino Ragazzini, il fondatore del centro, nella chiesa di San Francesco. E per qualche secondo il nostro pastore, il cardinal Tonini, si è affacciato di nuovo in una nostra chiesa. Io vedendolo mi sono un po’ emozionato e volevo condividere questa emozione con voi.

Chissà cosa vede da lassù. Chissà che prospettiva ha del mondo di oggi dal Paradiso. Era un profeta e lo era da tempi lontani. Viveva con sobrietà quando ancora regnava lo sfarzo, trent’anni prima di Papa Francesco, già negli anni “70 fin quando è morto. Si occupava di bioetica quando ancora in pochissimi sapevano anche solo cosa fosse. Aveva profetizzato l’avanzata islamica in Europa in anni in cui neppure il cardinale Biffi ci pensava. E ahinoi ci aveva azzeccato. Aveva costellato di lucide e profetiche analisi la sua predicazione. Era riuscito a portare la Chiesa in un’epoca d’oro nel suo rapporto con i media. Aveva portato nelle case degli italiani un’immagine di Chiesa materna, feconda, dialogante ma ferma nei principi, antica ma nuova, orgogliosa nell’identità ma umile nello spirito. Ha insegnato a tanti di noi ad amare Dio e la Sua Chiesa e per questo non potremo mai dimenticarlo. Io di certo non potrò.

Personalmente mi manca davvero molto. Pensando a lui penso al vuoto che la sua morte ha lasciato nel mio cuore e nella mia Chiesa. Vi chiedo allora di pregarlo tanto tutti insieme da quaggiù. Chissà che non interceda per noi presso l’Onnipotente.

Paolo Gambi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.