Vuoi diventare giornalista? Stai alla larga da facebook

 

come diventare giornalista? Stai alla larga da facebook

diventare giornalista

Qualcuno ancora oggi coltiva la pazza idea di diventare giornalista. Mi capita di incontrare ragazzi giovani che dicono: voglio diventare giornalista! Io generalmente cerco con cortesia di dissuadere dalla follia, spiegando come oggi quello che abbiamo sino a qui chiamato giornalismo è finito e non è ancora iniziato quello a cui nel futuro potremo dare lo stesso nome.

Tutti ci dicono: il futuro del giornalismo è in rete e i social network sono la chiave dell’informazione. Forse vero ma… Se vuoi un consiglio per capire come diventare giornalista stai alla larga da facebook e dai social network.

Perché? Molto semplice. Negli utenti dei social network è presente l’idea che tutto sommato “siamo tutti giornalisti”. Questo pensiero è diventato oramai una convinzione onnipresente. Alla domanda “come diventare giornalista” la stragrande maggioranza delle persone risponderebbe: “vai su facebook e scrivi”.

Quindi oggi tutti scrivono e condividono post. E infatti fatti un giro su facebook e scoprirai: che gli alieni hanno in mano i poteri della terra, anzi, probabilmente Putin è lui stesso un alieno (basta guardarlo bene), i tumori si guariscono bevendo acqua di fonte e mangiando carote depotenziate e l’11 settembre 2001 in realtà non è caduto nessun aereo. Se tutti siamo giornalisti una bacheca di facebook dovrebbe equivalere alla lettura di un qualche giornale. Peccato però che nell’incapacità di distinguere le fonti siti come lercio.it o piovegovernoladro vengono considerati attendibili quanto il sito di repubblica. E così è la confusione più totale fra vero, verosimile, falso e falsificato.

Allora, è vero che in Italia il giornalismo non si è distinto particolarmente negli ultimi decenni per lungimiranza, nè per capacità di parlare la lingua del popolo. Ma un giornalista è pur sempre qualcosa di diverso da quello che fa lunghi e seri commenti sulla notizia dello sbarco degli alieni a Saint Vincent. Fare il giornalista significa quantomeno essere capaci di distinguere una notizia fondata da una non fondata, significa saper gestire le fonti ed elaborarle in una sintesi compiuta. Diventare giornalista significa quindi acquisire strumenti per districarsi in questo mare magnum in cui vero e falso si mischiano come mai prima nel tavolo delle notizie. E per farlo, specialmente all’inizio, bisogna stare alla larga dai social network di massa e dalle loro logiche.

Vuoi ancora diventare giornalista? Inizia con un bel digiuno da facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.