Guido Veneziani è fallito, anche se nessuno lo scrive. E io non rivedrò i miei soldi.

Guido Veneziani, l’editore di Vero, Top, Stop (e quasi dell’Unità) fallisce e nessuno scrive niente?

Il giornalismo in Italia è strano: non scrive le notizie e poi si meraviglia se la gente non legge più i giornali. Un grosso editore italiano Guido Veneziani (editore di Vero, Top, Stop, Vero tv e altre riviste, e quasi dell’Unità) è fallito e la notizia non si trova. Digitando su google “Guido Veneziani” si scopre che è indagato per bancarotta fraudolenta per una stamperia, che ha chiuso il canale televisivo e che voleva mettere sull’Unità la Pascale nuda. Ma non si trova traccia della notizia del fallimento. Che si compare fra le righe solo qui.

Eppure basta digitare il nome “Guido Veneziani” nella sezione fallimenti del tribunale di Milano e si scopre che due società che portano il suo nome (una spa e una srl) sono state dichiarate fallite l’8 settembre 2015. Come mai la notizia non è stata data dai grandi media?

Guido Veneziani e il libro su Padre Pio

Io lo so bene del fallimento perchè avevo iniziato una causa contro Guido Veneziani e l’avvocato mi ha detto che conveniva interrompere a causa del fallimento delle società. Ho collaborato con le sue testate per qualche anno, occupandomi quasi esclusivamente di “cose religiose”. E per qualche anno tutto è andato bene. Poi ho fatto un passo in più, ho scritto per loro un libro su Padre Pio, che è uscito allegato ai giornali. Il libro – pare (nessuno si è mai degnato di mandare all’autore un resoconto ufficiale) – abbia venduto parecchie decine di migliaia di copie. Ma io non ho visto un euro. Da ingenuo e modesto intellettuale di provincia mi ero fidato e non avevo firmato nessun contratto, contando di essere pagato come sempre era successo. Invece ho scritto il libro, non ho avuto un euro, e in più ho dovuto sostenere spese legali per cercare di avere quanto comunque mi spettava, anche in assenza di contratto. Senza arrivare a niente.

Il giornalismo in Italia oggi è così: lavori, e quando va bene non ti pagano. Mentre se ti va male ci rimetti pure.

Essendo il libro in questione su Padre Pio almeno ho la soddisfazione di aver contribuito alla diffusione della sua conoscenza e del suo culto. E questo, francescanamente, non può che portarmi a perdonare per il torto subito questo Guido Veneziani.

guido veneziani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.