facezieRomagna

Treno Ravenna Bologna: un’avventura da fare una volta in una vita

Treno Ravenna Bologna: un’avventura da fare una volta in una vita

Treno Ravenna Bologna. Sono salito su un treno Ravenna Bologna. Arrivo in stazione e salgo. Fuori fanno 0 gradi. Dentro -2. Ma ci metto un po’ a rendermene conto. Devo aspettare il primo ruggito di un orso bianco. E capisco anche che non è una carrozza passeggeri ma una cella frigorifera.

treno ravenna bologna

Dopo mezz’ora passa un controllore, vestito come un inuit, per dire a me e agli altri due yeti che possiamo spostarci in una carrozza più calda.

Ci alziamo e apriamo la porta. 35 gradi. C’è gente in costume e altra con l’asciugamano che chiede se c’è anche un hammam.

Davanti a noi si aprono praterie sterminate. Sono presenti rappresentanti di tutte le tribù di Senegal, Congo e Burkina Faso. Si stanno alleando perché un carovana di schiavisti del Corno d’Africa sta selezionando i nuovi schiavi da portare alla Mecca.

Arriviamo a Godo. Guardo fuori ed è già primavera. Ma non so di che anno.

Il controllore cerca di controllare i biglietti, ma di fronte ad un’armata di guerrieri Masai è costretto a far finta di nulla. Anche perché stanno per muovere guerra a un gruppo di islamici che sta pregando Allah alla maniera maomettana fuori dal bagno.

Cerco da sedermi e  trovo posto vicino ad una comunità di ROM che si sta spartendo gli ultimi cavalli rubati. All’altezza di Russi due di questi ROM innamorati iniziano uno splendido matrimonio zingaro.

Arrivati a Castelbolognese la coppia ha già avuto 3 figli, di cui uno ha iniziato il liceo, e ha avuto tempo per divorziare.

Chiacchierando con i compagni di viaggio riesco ad imparare un sacco di lingue: l’urdu, l’arabo, e alcune lingue morte mediorientali.

Siamo arrivati quasi ad Imola quando mi rendo conto che non ho più denti, ho i capelli bianchi e radi e una gran voglia di andare a vedere un cantiere.

Purtroppo non arrivo a Bologna e termino il mio cammino terreno poco prima di Castel San Pietro.

Ma ne valeva la pena. Prendere un treno Ravenna Bologna è un’avventura che vale una vita.

2 pensieri su “Treno Ravenna Bologna: un’avventura da fare una volta in una vita

  1. Prendo raramente il treno, ma anche io il 15 dicembre sono andata a Bologna in treno ed è capitata la stessa cosa. …non proprio tutto
    Salita sul vagone sbagliato, dove si moriva dal freddo, con diversi altri compagni di sventura, al controllo del biglietto, più o meno a Lugo, il controllore ci ha informato che in altri vagoni il riscaldamento funzionava. Fuggi fuggi generale…. e caldo tropicale benedetto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *