ANSIA – POESIA VI

Ansia. Questa è la prima poesia che ho pubblicato nel mio periodo maltese nel 2018. Come ogni grande cambiamento, quello che mi ha fatto trasferire sull’isola che un tempo fu dei Cavalieri ha portato ansia.

Non conoscevo più da anni quest’istanza dell’oscurità dell’anima che erutta con esplosive emozioni. Mi vantavo di averla capita e sconfitta. Poi in un luogo straniero, con una nuova attività, tanta incertezza e molta solitudine qualcosa è tornato ad tormentarmi dentro.

La poesia è stata lo strumento principe con cui sono riuscito a portare luce, ed in fretta, in quelle parti buie in cui l’ansia rodeva come un tarlo maledetto.

Ecco perché sono sempre più convinto che la poesia non sia solo un vago esercizio dell’ego né un passatempo per anacronistici ma un vero e proprio strumento terapeutico e di conoscenza di sé.

Ancora una volta la bellezza dell’arte sconfigge la bruttezza banale e sempre uguale a se stessa delle istanze dell’oscurità. Grazie.

 
 
 
 
 
View this post on Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Paolo Gambi (@paologambi) on

Poesia VI – Ansia

È come un magma che ribollisce nello stomaco

Sale, scende, entra in circolo

Dove tocca brucia

I suoi fumi mefitici annebbiano i sensi

Tutto è filtrato, tutto è opaco

Pulsa

Batte

Colpisce

Vorresti spegnerla, ma non sai come

Ti tormenta nell’intimo

Poi sale al cranio e ti avvelena i pensieri

Rende tossica anche la parola più lieve

È come un chiodo arrugginito che ti si pianta nella carne

Ti crocifigge al presente

Facendo a brandelli la tua libertà

Sanguini, piangi e soffri

Il passato erutta avviluppato nelle spine della nostalgia

Che forano ogni tua parte molle

Il futuro ti taglia la pace come una lama affilata

Ma basta lasciare entrare una goccia di mare

E tutto si spegne.

Leggi altre mie poesie

cambia le tue emozioni ansia

POESIA V
freccia dx
POESIA VII

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.