Ciclone – Poesia XV

Ciclone. L’ho visto esplodere intorno a me diverse volta, mentre ero a Malta nella seconda metà di ottobre 2019. Ed è uno spettacolo che ti avvolge e ti lascia veramente senza fiato. Tanto da poterti entrare dentro, proprio come è successo a me.

Quando questo ciclone atmosferico si è trasformato in una tempesta emotiva stavo scrivendomi con qualcuno su instagram. Il problema è che non ricordo chi fosse! Purtroppo da quando i miei follower sono andati a due cifre, le persone mi scrivono molto e proprio questa volta mi è capitato di dimenticare il nickname della persona che mi stava scrivendo. Mi scuso.

Anzi, se per caso leggerai questo post e ti ricorderai della nostra conversazione dimmelo e se vorrai ti citerò. Oppure no, a tua scelta.

Comunque a questa persona stavo confidando di essere nel pieno di una terribile tempesta emotiva. E lei (doveva essere una donna direi) mi scrisse una domanda che mi è rimasta incisa nella memoria: a tempesta finita cosa sarà rimasto in piedi?

Ho iniziato a chiedermelo, per poi chiedermelo di nuovo, per poi, a ciclone finito, iniziare a cercare una risposta nella vita che tornava a scorrere placida entro l’alveo della sua routine fatta di sole e sale.

E ho cercato di mettere in poesia il fluire insieme doloroso e bellissimo di quei momenti, mentre mi nascondevo nella mia stanzetta spartana di Sliema. Questo è il risultato.

POESIA XV – Ciclone

Come schiaffi che mi flagellano la faccia
Le correnti mischiano ogni certezza
Scardinano il cervello, sconvolgono il cuore
Discutono e distruggono ogni dogma
E osservo il ciclone serbando una domanda:
Quando bonaccia e bel tempo brilleranno di nuovo
Cosa di me sarà rimasto in piedi?

LEGGI ALTRE MIE POESIE

ciclone paolo gambi
POESIA XIV
freccia dx
POESIA XVI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.