Il trono di spade petizione per cambiare il finale

 il trono di spade petizione

Il trono di spade: petizione per cambiare il finale. Era già successo che i fan interagissero con la narrazione chiedendo di cambiarla. 22.176 sostenitori nel 2014 sottoscrissero per esempio una petizione su change.org per cambiare il finale di How I met your mother. Su kickstarter c’è stata una petizione per cambiare il finale di The Departed.

Ma ritrovarsi con un milione di sottoscrittori in pochi giorni che chiedono la riscrittura di un’intera ultima stagione è un fatto nuovo, che fa interrogare sul peso che ha oggi nell’era della rete l’interazione tra autori e fruitori delle narrazioni. E che forse dovrebbe porre qualche domanda agli sceneggiatori.

“David Benioff e D.B. Weiss hanno dimostrato di essere scrittori terribilmente incompetenti quando non hanno materiale d’origine su cui lavorare. (cioè i libri) su cui contare” scrive il texano Dylan, iniziatore della sottoscrizione. “La serie merita una stagione finale che abbia senso”.

Un nuovo ruolo per la fan fiction? Il trono di spade: petizione

Fenomeno davvero interessante, che rende potenzialmente la fan fiction un’operazione a malapena differita dalla parte creativa dell’autore. E che soprattutto, se mai la petizione sortisse qualche effetto, la renderebbe protagonista persino della parte creativa dell’autore.

A me, personalmente, la svolta di Danaerys Targaryen aveva convinto. Così come mi aveva convinto il più ampio scenario di sovvertimento dello schema buoni-cattivi, che faceva parte della narrazione sin dall’inizio.

Ma è evidente che aspettative portate avanti per sette stagioni e sommariamente risolte in pochi secondi non possono entusiasmare chi ha speso decine di ore su questa serie. Non si possono liquidare in dieci minuti personaggi semiprotagonisti che portano con sé domande e istanze che stanno portando avanti da molte serie.

Intanto consoliamoci LEGGENDO I LIBRI DI MARTIN. E continuando a vivere nell’attesa del “sabato” finale di questo villaggio globale. Siamo d’accordo: la stagione forse meritava un po’ più di poesia e qualche emozione posticcia in meno di quelle che hanno scelto per l’ottava stagione. Il trono di spade petizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.